Il Risorto cammina con ogni uomo

                                                                                                                                                                                                        

Ed ecco in quello stesso giorno, il primo della settimana, verso sera due discepoli stanchi ed amareggiati, lungo il cammino che li allontana da Gerusalemme, discutono tra loro di quanto era successo nei giorni precedenti: sono sulla strada per Emmaus. Per loro, questa è la strada dello sconforto e della delusione. Hanno perso la speranza, camminano sulla strada dell’abbandono.

In questo loro cammino si inserisce il Risorto, che si avvicina a loro e si fa loro compagno di viaggio. La comparsa del Risorto è
 un evento improvviso, senza premesse, del tutto gratuito. E i due, tristi e sconsolati, non lo riconoscono. Non perché Egli ha assunto un volto sconosciuto per apparire in incognito, ma perché i loro occhi non avevano la forza di riconoscerlo. Infatti, non tocca a Gesù cambiare volto, bensì ai discepoli cambiare lo sguardo.

Occorre un nuovo modo di guardare ciò che prima si è visto: cioè la vita di Gesù, la sua condanna a morte, la sepoltura, la tomba vuota raccontata dalle donne. I discepoli, infatti, hanno visto in maniera staccata ciò che è accaduto a Gerusalemme, senza capirne il significato. Ora vedono il Risorto, ma non riescono a capire chi sia.

La prima incomprensione condiziona la seconda. Infatti, il Risorto rimane nascosto se non si comprende il Crocifisso. Infatti,  il Crocifisso, per loro, segna il crollo definitivo di ogni umana speranza. Ma  Gesù inserendosi nel cammino di questi due discepoli prende in mano la situazione. Non per cambiare la direzione del viaggio, bensì per mutarne il significato: non più un semplice cammino verso Emmaus, ma un cammino verso l’incontro con Lui.

Così, il cammino di allontanamento e di abbandono diventa il cammino dell’incontro. Il cammino della delusione diventa il cammino della speranza. Il cammino desolato ed angosciato diventa cammino che si arricchisce sempre più di senso e di serenità. Il cammino vuoto e freddo diventa cammino sempre più pieno e caldo della presenza di Dio. Tutto questo è possibile, non perché i discepoli, e cioè gli uomini, camminano verso il Signore, ma perché il Signore si inserisce nel loro cammino, nella loro storia umana.

In questo modo il Risorto porta al capovolgimento di prospettive: il Crocifisso non è la smentita, ma il fondamento della speranza, la rivelazione di un modo diverso di liberazione e di vita. Infatti,  il racconto dei due discepoli non termina con la crocifissione, ma con l’esperienza delle donne al sepolcro, della corsa di Pietro e Giovanni al sepolcro vuoto. Purtroppo il tutto si arresta su una constatazione negativa per loro: “Ma Lui non l’hanno visto”.

Il Risorto, dopo averli  ascoltati li rimprovera toccandoli nella mente e nel cuore: “O stolti e tardi di cuore”, cioè privi di intelligenza, superficiali nel valutare la storia di Gesù, incapaci di aprirsi alla novità e sorpresa, con un cuore lento e pigro nel cambiare prospettiva: credono in Dio, ma non riescono ad accettare la novità della sua azione. Solo il Risorto sa spiegare in modo convincente da vincere la superficialità dell’uomo e la pigrizia del suo cuore. Gesù, infatti, ha vissuto la sua passione come “obbedienza al Padre” e così la croce non contraddice ma svela la potenza di Gesù secondo quanto affermato dalle Sacre Scritture.

E’ Gesù che pazientemente, lungo il cammino, spiega le Sacre Scritture in riferimento a tutti gli eventi accaduti a Gerusalemme che riguardavano appunto il Gesù di Nazareth.

Quest’immagine del Risorto che spiega le Sacre Scritture svelandone il profondo significato è di valore perenne. Solo Gesù è il vero interprete, esegeta delle Sacre Scritture, capace di far cogliere in esse il disegno di Dio che si realizza e si dispiega lungo tutta la storia umana. Tutto questo è dono, non frutto della semplice ricerca dell’uomo.

Gesù, il Crocifisso,  Risorto, diventa pellegrino che cammina nelle strade degli uomini, di ogni uomo e spiega come essi devono fare, come la sua Chiesa deve agire. Solo Cristo Gesù, il Signore, può far capire le Scritture, è Lui che è la Parola, che spiega la Parola: è il Risorto con la sua Grazia che compie questa apertura al senso profondo della storia: “E aprì la mente all’intelligenza delle Sacre Scritture”.

Questo momento, cioè di leggere la storia umana alla luce delle Sacre Scritture, è fondamentale per comprendere la Parola di Dio, allora, come oggi, e sempre: questa comprensione, che scalda il cuore, diventa premessa indispensabile per il pieno e totale riconoscimento del Risorto nello spezzare il pane, cioè nell’Eucaristia. Infatti, i due discepoli, dopo il cammino, nella sosta ad Emmaus, durante il banchetto, riconoscono nel pellegrino che si era fatto loro compagno di viaggio, viandante per le strade il loro Gesù, Maestro, Crocifisso, il Risorto, il Vivente in mezzo a loro.

Una volta riconosciuto, pieni di gioia, abbandonano tutto, ritornano, anche se notte fonda, a Gerusalemme, nella loro comunità che avevano abbandonata, e là confessano a tutti i discepoli la loro esperienza con il viandante che aveva loro “riscaldato il cuore mentre spiegava le scritture e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane”. E a loro volta ascoltano l’esperienza che anche gli altri discepoli hanno fatto del Cristo Risorto: e così la comunità dei discepoli si scopre abitata dalla presenza del loro Maestro Gesù, il Risorto.

Parola ed Eucaristia diventano così al centro della vita di Gesù e della vita  della comunità cristiana. Ora Gesù Cristo, con la Parola e l’Eucaristia rimane tra di noi, in mezzo a noi e per noi, per sempre.

d. Edmondo Lanciarotta  -  parroco                                                                                                                                                                                                                                         

clicca qui per il testo in PDF

Parrocchia Mussetta


E’ il sito internet della parrocchia S. M. Assunta di Mussetta di San Donà di Piave, provincia di Venezia e Diocesi di Treviso. La parrocchia oltre ad essere un’istituzione ecclesiale, è anche un soggetto sociale, culturale, educativo che vive il territorio mettendosi a servizio di ogni uomo e di ogni donna, senza distinzioni e riserve, in dialogo sereno e critico con tutti gli altri soggetti per il bene comune. Ci auguriamo che ognuno visitando questo sito possa intuire la ricchezza e varietà dei soggetti e delle iniziative, la freschezza delle proposte formative e ricreative, la creatività e fantasia dei soggetti che quotidianamente operano e si riconoscono sotto la protezione della B.M. Assunta.

Per richiedere informazioni, inviare una richiesta o contattarci

Novità

Omelia di Pasqua 16 Aprile 2017

Pasqua 16 aprile 2017 Omelia di don Edmondo Lanciarotta - parroco Dopo l’intimità fraterna della cena (Giovedì santo), dopo la sofferenza infinita della passione culminata con la morte in croce e la sepoltura di Gesù (Venerdì santo): tutto è finito. [...] Leggi tutto

Omelia venerdi santo 14 aprile 2017

Venerdì santo 14 aprile 2017 Omelia di don Edmondo Lanciarotta - parroco Abbiamo camminato dietro il Crocifisso, abbiamo percorso con Lui le nostre strade, le strade della nostra vita quotidiana; abbiamo pregato camminando dietro la Croce di Gesù e [...] Leggi tutto

Omelia Giovedi santo 13 aprile 2017

Giovedi santo 13 aprile 2017 Omelia di don Edmondo Lanciarotta - parroco Celebriamo l’ultima cena di Gesù, la cena di Pasqua, che celebra la liberazione del popolo dalla schiavitù dell’Egitto per intervento del Dio di Abramo, attraverso la mediazione [...] Leggi tutto

Passione: Il Dio Crocifisso

PASSIONE: IL DIO CROCIFISSO Premessa. Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? La Croce, strumento e simbolo della morte violenta, è diventata il simbolo principale dei cristiani. E’ presente in ogni casa, è posta al centro della chiesa, la si [...] Leggi tutto

Festa del perdono

Domenica 2 Aprile scorso abbiamo celebrato nella nostra parrocchia con i bambini della 3 Elementare la festa del Perdono. Ecco la croce fiorita con i nomi di tutti i bambini quale simbolo di grazie del perdono ricevuto. E" stata una bella festa!! [...] Leggi tutto

La nostra Parrocchia


Papa S. Giovanni XXIII paragonava la Parrocchia di Mussetta alla "fontana del villaggio" dove si va ad attingere acqua. Essa è un dono per tutti. E’ "comunità aperta: tutti possono entrare, nessuno è estraneo". Dentro si ritrovano insieme giovani ed anziani, uomini e donne, bambini ed adulti, persone che credono e persone piene di dubbi, santi e peccatori. Tutti ci stanno, ci abitano come a casa propria.

La parrocchia è, allora, e deve diventare sempre di più, una comunità, un luogo ed un tempo, dove ci si incontra fraternamente, si vive la fede, si prega e si canta e si fa festa, dove ci si impegna e si è attivi per servire i poveri, per portare ad ogni uomo il messaggio di salvezza di Gesù, cioè il suo vangelo di pace e di misericordia.

La nostra parrocchia pur abitando un territorio con una lunga storia, è giovanissima: è nata il 31.12 1962 ed il primo suo parroco è d. Lino De Biasi, dal 19.4.1064. Cinquant’anni fa la posa della prima pietra della chiesa parrocchiale dedicata a S. Maria Assunta. Si apre senza paura alle novità e alle sfide del tempo presente con freschezza e fiducia.

Tutto questo diventa motivo di ritornare alle origini della fede cristiana, rivisitare la nostra storia, riscoprire le caratteristiche peculiari, rivitalizzare la presenza, sostenere i servizi, proteggere l’originalità, promuovere la specificità in dialogo con le altre comunità cristiane che abitano il territorio sandonatese, in maniera che diventi sempre più “porta aperta ed accogliente per tutti”, e “la fontana del villaggio” per il bene di tutti in nome di Gesù.

Ringraziamo il Signore per la nostra parrocchia dedicata al mistero di Maria Santissima Assunta in cielo in anima e corpo, meta alla quale siamo tutti chiamati; in Lei contempliamo il capolavoro di Dio ed anche ciò che Dio desidera fare con e per ciascuno di noi.

Rimaniamo uniti tutti sotto la sua materna protezione.

 

Il Parroco - Don Edmondo Lanciarotta

Le nostre infrastrutture principali:

Parrocchia di S. Maria Assunta - Mussetta - Parrocchia

Le 2 Chiese

Parrocchia di S. Maria Assunta - Mussetta - Oratorio

L'Oratorio

 Parrocchia di S. Maria Assunta - Mussetta - Scuola

La Scuola infanzia e Nido

 Parrocchia di S. Maria Assunta - Mussetta - Scuola

Comunità religiosa

 Parrocchia di S. Maria Assunta - Mussetta - Scuola

Campo sportivo

 Parrocchia di S. Maria Assunta - Mussetta - Scuola

Bar

 Parrocchia di S. Maria Assunta - Mussetta - Scuola

Cucina

Per richiedere informazioni, inviare una richiesta o contattarci

LINK AMICI